• English
  • Français
  • Italiano
  • Español
Stervin India
Tu sei qui:Home / NEF / NEF 2013 / Notizie in Famiglia - 14 Dicembre 2013 / Vita della Congregazione
13/12/2013

Vita della Congregazione

Assemblea a Pau, del 28 ottobre 2013

Nel corso della sua visita al Vicariato di Francia-Spagna, Padre Gaspar ha indetto un’assemblea a Pau per i religiosi più giovani e impegnati nella pastorale. Ci siamo così ritrovati in una ventina, chiamati a iniziare insieme un lavoro di discernimento circa il futuro del Vicariato.

 

Il nostro Vicariato è costituito oggi da comunità internazionali grazie alla presenza di 5 giovani religiosi venuti da altri Vicariati. Ha la pesante responsabilità di luoghi santi e di un importante patrimonio della congregazione, composta da un numero così ridotto di religiosi che si ritrovano nelle stesse strutture.

In un primo momento ognuno ha risposto alla domanda: “partendo dalla mia conoscenza del Vicariato e della sua vita, quali sono le mie due proposte per riorganizzare il Vicariato con realismo per i prossimi 10 anni?” Dopo un tempo di riflessione personale, ognuno ha espresso le sue proposte a cui è seguito uno scambio dopo una sintesi che può essere riassunta come segue:

1) ri-orientamento della vita delle comunità sul piano della preghiera, della vita fraterna, in unione con i laici, con le parrocchie, con altre congregazioni e istituzioni, con particolare attenzione all’accompagnamento dei giovani e alle vocazioni;

2) proposta di una riorganizzazione delle comunità, attraverso una concertazione tra religiosi oltre all’apporto di esperti esterni.

In un secondo momento abbiamo riflettuto sulla nostra realtà a partire da tre testi tratti dalle Scritture (Fil 2,5-11), da san Michele (RdV 15) e dal Papa Francesco (“il vero potere è il servizio”, meditazione del 21 maggio 2013) (cfr. in basso). Si è trattato di una esperienza di narrato fidei.

In seguito abbiamo ascoltato il sig. Joan-Grangé, animatore del comitato creato per studiare il futuro del patrimonio del sito di Betharram. Ha distinto - le costruzioni da migliorare, i santuari, - le costruzioni da valorizzare nella zona di Montaut, la fattoria, la casa Arcos e i terreni non edificati, - e gli elementi per i quali si potrebbero trovare dei partners, il calvario, la casa di riposo dei padri e delle persone anziane e il Collegio Bel Ramo. Dal momento dell’espulsione dei religiosi, tutto questo patrimonio è stato gestito dall’associazione “La Pyrénéenne”: si pone il problema della devoluzione, cioè del recupero dei beni da parte della congregazione, tenendo conto che durante il 2013 i religiosi sono diventati maggioritari nell’associazione e che ormai sono i soli a far parte dell’organo direttivo. È stata fatta la proposta di costituire una Commissione Economica per accompagnare i religiosi nella gestione del patrimonio. Questa la domanda: come vediamo il futuro di questi beni e come utilizzarli?

Dopo un pasto fraterno con la comunità di Pau, lo scambio è proseguito con il sig Joan-Grangé. Si è parlato molto della comunità Notre-Dame di Bétharram (“il monastero”), la comunità che accoglie innanzitutto i religiosi del vicariato e della congregazione di passaggio a Bétharram ma anche piccoli gruppi e pellegrini di San Giacomo di Compostella; il santuario ha la vocazione per essere un luogo di pellegrinaggio e un centro di spiritualità. A partire da dicembre, questa comunità accoglierà il noviziato regionale.

Nell’ultimo periodo dell’assemblea, ognuno è stato invitato a fare 2 proposte concrete da realizzare a breve termine. Ecco la sintesi che è emersa dopo la condivisione:
- Continuare questi incontri fraterni inaugurati in occasione di questa assemblea a Pau;
- Dopo la celebrazione del 150°, assicurare un’animazione spirituale nelle nostre realtà;
- Ringiovanire la comunità dei Paesi Baschi, “guardiani” di Ibarre e della casa Etchecopar a Saint-Palais;
- Costituire una Commissione Economica, che comprenda degli esperti;
- Continuare la pastorale giovanile.

Al termine, abbiamo ricordato i progetti dei lavori presso la Casa San Michele di Pau che richiederanno grandi risorse finanziarie. Abbiamo constatato che, nel corso dei nostri dibattiti, praticamente non abbiamo accennato alla questione del Collegio di Bétharram. Il partenariato con i laici merita un nuovo impulso. Bisognerà essere attenti all’articolazione di questo tipo di Assemblea con l’Assemblea Generale del Vicariato, e anche con il Consiglio di Vicariato e il Consiglio regionale.

Jean-Marie Ruspil, scj

Azioni sul documento

« agosto 2022 »
agosto
lumamegivesado
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031
nef

NEF logo portletNEF, NOTIZIE IN FAMIGLIA

Nef è il bollettino ufficiale della Congregazione del Sacro Cuore di Gesù di Betharram.
La redazione è a cura del Consiglio Generale.

Per leggere la NEF puoi consultare l’apposita sezione del portale che contiene anche l'archivio degli anni scorsi.

Qui sotto gli ultimi tre numeri pubblicati...